Fabrizio Viscardi Logo
Salute e Medicina

Qualche consiglio sulla Salute

Wireless pericoloso per la fertilità maschile

Con notebook, smartphones e tablet vicino agli organi riproduttivi

Mentre la comunità scientifica si interroga ancora sulla possibilità che i dispositivi wireless possano favorire il cancro, varie ricerche universitarie mettono in guardia sull'influenza negativa delle nuove tecnologie rispetto alla fertilità maschile.
Leggiamo qualche studio.

- Secondo uno studio della 'Nascentis Medicina Reproductiva' di Cordoba in Spagna, il wireless pregiudica la qualità del liquido seminale influenzando la capacità fecondativa dell'uomo.
Per dimostrarlo, i ricercatori iberici hanno prelevato campioni di sperma da un gruppo di volontari senza problemi di salute, applicandone alcune gocce sotto a un computer portatile connesso a internet tramite il wi-fi. Dopo quattro ore, il controllo degli scienziati ha appurato che il 25 per cento degli spermatozoi risultava immobile, mentre la percentuale era di solo il 14 per cento nel campione di controllo posto a distanza di sicurezza dal laptop.
Non solo; il 9 per cento degli spermatozoi presentava danni genetici, una percentuale tre volte maggiore rispetto al campione di controllo.
La causa, stando alla tesi dei ricercatori spagnoli, è da attribuire alle radiazioni elettromagnetiche prodotte dagli strumenti senza fili: “i nostri dati suggeriscono che l'uso di un computer portatile connesso in modalità wireless a Internet e posizionato vicino agli organi riproduttivi maschili può ridurre la qualità dello sperma umano", spiega Conrado Avendano, coordinatore della ricerca.
I medici, che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista di settore 'Fertility and Sterility', hanno successivamente effettuato un test utilizzando un pc portatile ma connesso ad Internet via cavo, verificando in questo caso l'assenza di compromissioni significative del liquido seminale.
(Da www.italiasalute.it - 2011).


- Un altro studio ci invita a riflettere molto prima di riporre nella tasca dei pantaloni il nostro smartphone.
Secondo una ricerca dell'Università di Exeter, nel Regno Unito, le onde prodotte dal dispositivo così a stretto contatto con il corpo metterebbero a rischio la fertilità di chi lo usa.
I ricercatori hanno analizzato un campione di 1492 persone valutando l'impatto dell'esposizione ai cellulari in tasca sulla base di diversi parametri relativi alla qualità dello sperma.
Fra i parametri vi sono la motilità, ovvero l'abilità dello spermatozoo di muoversi verso un ovulo, la vitalità, ovvero la capacità di rimanere in vita, e la concentrazione, ovvero il numero di spermatozoi presente per unità di seme.
Nel gruppo di controllo di 1492 volontari, una percentuale variabile dal 50 all'85 per cento degli spermatozoi mostrava movimenti nella norma. Ma la percentuale crollava di 8 punti in corrispondenza dell'esposizione ai telefonini.
Un effetto negativo è stato registrato anche per quanto riguarda la vitalità, mentre sulla concentrazione non si sono avuti risultati chiari.
Spiegano gli autori sulle pagine di 'Environmental International': “dato l'enorme ricorso mondiale ai telefonini il ruolo potenziale di questa esposizione ambientale sulla fertilità maschile deve essere approfondito. I nostri risultati suggeriscono con forza che l'esposizione alle radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenza causata dal trasporto del telefonino nelle tasche dei pantaloni influisce negativamente sulla qualità dello sperma.
Un impatto che potrebbe essere particolarmente rilevante per quegli uomini che già hanno problemi di fertilità".
(Da www.italiasalute.it - 2014).